Il Giullare – Attacchi di Panico

Buongiorno dottore,
sono Carlo, ho 32 anni e da diversi mesi soffro di attacchi di panico, in particolar modo sul lavoro. Vivo ogni momento con tensione, non mi sento mai rilassato e in alcuni momenti ho la sensazione di essere vicino all’infarto. Arrivo a casa ogni giorno distrutto, continuando a rimuginare su quello che mi accade e tutto questo si ripercuote sulla mia vita relazionale e di coppia. Un mio amico mi ha consigliato di provare qualche tecnica di rilassamento ma non so se può servire. Lei cosa mi consiglia?

Caro Carlo,
solitamente quando avvertiamo queste sensazioni ed emozioni tentiamo di scacciarle in tutti i modi, in quanto siamo abituati a vederle come qualcosa di spiacevole e negativo che ci porta solo sofferenza. In realtà, ansia e panico non sono mostri da combattere, ma sono spesso messaggi che il corpo ci invia per richiamare la nostra attenzione su modalità e stili di vita che giorno dopo giorno mettiamo in atto e che probabilmente non funzionano più ma, al contrario, ci stanno lentamente intossicando.
In tali situazioni, dopo aver consultato il medico di base, risulta importante non sforzarsi di allontanare le sensazioni e le emozioni che ci assalgono ma accoglierle e ascoltarle in quanto movimenti passeggeri, focalizzandosi sul momento presente in modo non giudicante.
Tutto questo prestando attenzione ai movimenti del nostro corpo e al nostro respiro che purtroppo nella vita frenetica di oggi perdiamo molto spesso di vista, riducendolo a un alternarsi rapido e affannoso d’inspirazione ed espirazione che spesso rappresenta la via diretta verso l’attacco di panico. E’ importante ricordarsi che il respiro dà ritmo ai pensieri, respirando lentamente e profondamente si dà modo anche alla mente e ai pensieri di rallentare e si previene quindi l’escalation emotiva tipica del panico. Ed è proprio su questi presupposti che si basano le Tecniche di Rilassamento e Meditazione, considerate a oggi tra i trattamenti più efficaci e utilizzati nella cura di ansia e attacchi di panico . Il fondamento essenziale è la visione olistica e integrata del funzionamento dell’uomo, ovvero l’assunzione che mente, corpo ed emozioni si influenzino reciprocamente per cui una disarmonia su uno di questi livelli si ripercuote negativamente sugli altri e sull’intero sistema così come un funzionamento armonico ha invece effetti positivi sul benessere generale della persona.

Diverse ricerche, tra cui lo studio condotto dal team di ricerca guidato dalla Dott.ssa Kerr e pubblicato su Frontiers in Human Neuroscience, evidenziano gli effetti di tali tecniche non solo nel trattamento di tali disturbi, come confermato anche da recenti studi condotti da ricercatori statunitensi del Wake Forest Baptist Medical Center (WFBMC) e pubblicate su Social Cognitive and Affective Neuroscience ma anche nella prevenzione della depressione, nella gestione dello stress, nella riduzione generale della tensione emotiva e nel recupero delle energie. Ultimamente è stato riscontrato che le tecniche di rilassamento e la meditazione migliorano la concentrazione, l’autocontrollo e contribuiscono al conseguimento di alte prestazioni, professionali e sportive. Ti confermo quindi l’estrema utilità di tali tecniche e strumenti che risultano inoltre alla portata di tutti e in alcuni casi, come nel Training Autogeno, si tratta di percorsi che tutti possono intraprendere e, in seguito, utilizzare in completa autonomia. A tal proposito ti informo che il nostro Istituto ha in programma, a partire da inizio ottobre, Percorsi di Training Autogeno, rivolti a chiunque fosse interessato a sperimentare e apprendere la più famosa tecnica di rilassamento autoindotto. Tali percorsi si svolgeranno in 8/10 incontri, nelle nostre sedi di Pistoia, Firenze e Montecatini.

Inoltre, venerdì 13 settembre a Pistoia e venerdì 20 settembre a Firenze, si terrà un Seminario gratuito dal titolo “Verso la consapevolezza corporea: dal Training Autogeno alla Mindfulness” finalizzato ad avvicinare la popolazione a tali tecniche e a farne conoscere i benefici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *