Crisi di Coppia: Quando una Relazione è finita?

 

“Le relazioni tra i partner sono come una danza, un passo a due, una sintonia e un equilibrio nel fidarsi e nell’affidarsi” Sue Johnson
“Ma come può un cuore divenire freddo e rigido? La risposta sta nell’intimo rapporto che lega amore e odio. L’odio si può descrivere come amore divenuto freddo. Si tratta di un processo non rapido, in quanto l’amore per raggelarsi richiede ripetute delusioni” Alexander Lowen

Secondo il dizionario la parola coppia significa “due persone unite fra loro da un rapporto amoroso durevole”, in altre parole due persone, con i propri bisogni e desideri di attaccamento, ma al tempo stesso con altrettante paure, unite da un legame d’amore. I legami di coppia a volte entrano in crisi, in particolare durante alcuni passaggi di vita: per esempio dopo la fine della prima fase simbiotica e di innamoramento, dopo la nascita di un figlio , esprimendo il disagio in svariate forme (forte conflitto aperto, distanza e freddezza emotiva, problemi sessuali) e non riuscendo talvolta a recuperare, in maniera autogena, l’equilibrio e la sintonia precedente. In una relazione di coppia è perfettamente naturale avere dei momenti in cui non si avverte il bisogno dell’altro, ma al contrario sentiamo il bisogno di dedicarci a noi stessi.
Spesso entrambi i partner perdono la capacità di ascoltarsi veramente o di fidarsi l’uno dell’altro.
Il desiderio e la passione sono mutevoli, è normale attraversare momenti di freddezza e distacco.
Il corpo possiede una “memoria” e, se lo abituiamo alla distanza, lentamente potrebbe arrivare a soffocare il desiderio e il piacere della vicinanza dell’altro, ma, se quotidianamente con un gesto lo sollecitiamo alla vicinanza emotiva, si risveglierà scongelando quelle emozioni “assopite”. È importante saper sfruttare al meglio i momenti di unione: l’incontro con l’altro può essere un’importante occasione in cui ricaricarsi e riacquisire le energie sprecate durante la giornata. Kory Floyd, professore presso l’Arizona State University, ha scoperto che esternare il proprio amore, sia attraverso le parole, sia attraverso le azioni, ha effetti benefici sulla salute. È stato dimostrato che, nei momenti critici e stressanti, i livelli di ossitocina nel sangue delle persone affettuose sono maggiori rispetto a quelli riscontrati nelle persone che hanno difficoltà a esternare i loro sentimenti, mentre i livelli di cortisolo, l’ormone legato allo stress, risultano più bassi. L’ormone chiave sarebbe l’ossitocina, la sostanza prodotta dal corpo durante il parto e la fase di allattamento al seno che, oltre a stimolare la produzione del latte materno, favorisce una maggiore attenzione verso gli altri e forme più strette di attaccamento nelle relazioni sociali.
Quando, invece, percepiamo la propria crisi di coppia non come un evento, ma come distruttiva, è possibile rivolgersi a psicoterapeuti esperti nella gestione delle difficoltà di coppia.
La terapia di coppia integrata tra analisi bioenergetica di Alexander Lowen e la E.F.T (Emotional Focus Therapy) di Sue Johnson aiuta a ritrovare la propria “bussola interiore”, ovvero le emozioni, mettendola al proprio servizio per aiutarci ad orientarci nel nostro percorso di vita a due e a creare nuovi dialoghi. Spesso i partner perdono il contatto con le proprie emozioni e con quelle dell’altro, entrando in un ciclo negativo e distruttivo che si autoalimenta.
In particolare attraverso gli esercizi esperienziali di bioenergetica, che mettono in contatto il corpo e la mente, è possibile sbloccare le emozioni e modificare le difese e/o pattern comportamentali. La psicoterapia di coppia aiuta i partner a riparare quel legame a volte spezzato, grazie alla guida del terapeuta, e a riconoscere le ferite (di attaccamento) e le proprie emozioni sottostanti in un clima di empatia ed ascolto. Attraverso le “esperienze emozionali correttive” e agli esercizi di bioenergetica di coppia, che si sperimentano nel contesto della terapia, si può superare il disagio, nutrire di nuove emozioni il proprio legame e imparare a danzare insieme nuovi passi.
In sintesi, la terapia di coppia aiuta a superare i momenti di crisi e a ritrovare nuove forme di dialogo tra i partner, ritrovare la sintonia emotiva e la capacità di fidarsi ed affidarsi, riconoscere i propri bisogni e le proprie paure di attaccamento, gestire in maniera funzionale le emozioni, apprendendo l’ascolto attivo ed empatico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri la chat
Scrivici qui