Mia nonna vuole l'acqua

Sogno di Giuditta

 

 Questa notte ho fatto un sogno molto singolare che ricordo perfettamente. Ero in una camera da letto sconosciuta, un po’ disordinata, con due letti singoli vicini e dormivo con mia nonna materna (viva), la quale mi chiede se posso portarle un po’ d’acqua. Così mi alzo, è l’alba e mi dirigo nella piccola cucina di questa casa sconosciuta, dove ci sono tantissime bottiglie d’acqua, di plastica, tutte piene e non so quale prendere. Mi raggiunge la mia zia paterna (defunta da qualche anno, cui ero legata) che mi parla amorevolmente e mi dice che preparerà il caffè, se ne voglio una tazzina. Mi sono svegliata che guardavo sorgere il sole dalla finestra, in un cielo rosa.

 

Il sogno inizia con la sognatrice che si trova in una camera da letto sconosciuta e dorme in un letto singolo con la nonna. Le stanze nei sogni possono alludere alle varie parti della personalità o a diversi livelli di comprensione; nello specifico, la camera da letto e il letto rappresentano luoghi privati, intimi, ma in questo contesto sconosciuti. Dormire rimanda sia al bisogno di riposo sia a una via di fuga rispetto a qualcosa. I personaggi che compaiono nei sogni rappresentano aspetti della nostra personalità, la nonna rimanda al rapporto con le tradizioni e con le convinzioni tramandate. Quest’ultima chiede un po’ d’acqua alla nipote, la quale si reca in cucina all’alba e la deve prendere tra tante bottiglie presenti. La bottiglia simbolicamente allude all’utero, alla femminilità, al contenere e racchiudere; l’acqua possiede una forza tale da rappresentare il flusso stesso dell’energia vitale, può raffigurare la rinascita spirituale e rimandare al materno. L’alba generalmente rimanda a un nuovo inizio o a una nuova consapevolezza delle circostanze che viviamo in un determinato momento: probabilmente stiamo cercando soluzioni diverse per affrontare vecchie situazioni. La cucina è il luogo per eccellenza della trasformazione e della creatività. Nella seconda scena la zia defunta parla, prepara amorevolmente del caffè e chiede se la sognatrice ne desidera una tazzina. Nell’attività onirica gli zii possono mettere in evidenza il rapporto che si è avuto con loro oppure possono ricondursi a elementi identificabili della nostra personalità. Il caffè può rivelare la necessità di risvegliare la propria attenzione su qualcosa che sta succedendo e ci confonde, a cui magari non stiamo dando la giusta importanza, almeno a livello cosciente. La tazzina, al pari della bottiglia, è un contenitore e ne può riprendere la simbologia.

In conclusione, questo sogno, sembra mettere in luce il processo di integrazione che la sognatrice sta mettendo in atto tra aspetti del passato, convinzioni tramandate e “parti nuove”, poco conosciute della propria personalità, in vista di una rinascita e di consapevolezze differenti.

 

Il Mangiatore di Sogni

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi leggere i sogni che abbiamo interpretato e scriverci il tuo sogno, noi lo interpreteremo per te.

Articolati correlati

Sognare un parto

Sogno di Daniela “Mia sorella ha sognato di assistere al mio parto insieme a nostro padre seduta accanto a me in sala parto c’era mia

Leggi »