Mi restano due giorni

Sogno di Assunta

 

Buongiorno, questa notte ho fatto un sogno che mi ha davvero turbato tantissimo. Ho sognato che mio padre mi diceva che gli restavano solo due giorni di vita, allora mi portava con lui e passavamo del tempo assieme. Ho anche sognato che incontravo i miei amici per dare loro la notizia. Successivamente ho sognato anche il giorno del funerale dove ho pianto tutto il tempo e, una volta finito, sognavo di sedermi a un tavolo dove un ragazzo mai visto mi leggeva i tarocchi. Questo ragazzo non fece in tempo a leggere i tarocchi che un signore mi venne a chiamare per salutare la bara di mio padre. Andai a salutare la bara e piansi molto, nel frattempo sempre lo stesso signore mi prese la mano e scrisse con il mio dito una parola ma non ricordo cosa. Dopodiché arrivò mia zia a consolarmi e grazie al cielo poi mi sono svegliata. Sapete dirmi qualcosa in più riguardo a questo sogno? Mi era già capitato di sognare la morte di un mio caro, però in questo sogno le emozioni erano amplificate come se stessi vivendo il lutto davvero e la cosa più strana è che facevo fatica a svegliarmi.

 

Il sogno può essere diviso nelle seguenti scene (o frame):

  • Ho sognato che mio padre mi diceva che gli restavano solo due giorni di vita, allora mi portava con lui e passavamo del tempo assieme
  • incontravo i miei amici per dare loro la notizia.
  • Successivamente ho sognato anche il giorno del funerale dove ho pianto tutto il tempo e, una volta finito, sognavo di sedermi a un tavolo dove un ragazzo mai visto mi leggeva i tarocchi.
  • Questo ragazzo non fece in tempo a leggere i tarocchi che un signore mi venne a chiamare per salutare la bara di mio padre.
  • Andai a salutare la bara e piansi molto, nel frattempo sempre lo stesso signore mi prese la mano e scrisse con il mio dito una parola ma non ricordo cosa.
  • Dopodiché arrivò mia zia a consolarmi.

I simboli (o topoi) presenti sono: padre, numero 2, giorno, incontrare, amici, dare la notizia (parlare), funerale, piangere, tavolo, ragazzo, tarocchi (carte), signore (sconosciuto), bara, mano, dito, scrivere, zia.

 

Il padre in sogno potrebbe rappresentare autorevolezza, legge ed ordine. Per una donna, il padre potrebbe essere lo “schema” su cui si basano i rapporti con l’altro sesso. I numeri possono avere un significato personale oppure simbolico. Il numero due potrebbe indicare la dualità, indecisione, ma anche la quiete, altruismo e l’aggregazione. Il giorno rimanda al ricordare un evento particolare che in questo caso potrebbe avvenire tra due giorni o che è legato a uno dei significati sopra citati del numero due. Incontrare nei sogni indica l’integrazione di diversi aspetti della nostra personalità. Gli amici potrebbero rappresentare degli aspetti della nostra personalità che dobbiamo prendere in considerazione oppure capire o accettare. Perciò incontrare gli amici potrebbe rappresentare l’integrazione delle parti della nostra personalità di cui loro sono le personificazioni, ma anche indicarci la possibilità di valutare il nostro rapporto con loro. Parlare (dare la notizia) in sogno potrebbe indicare il passaggio alla conoscenza. Quindi nel nostro schema dei rapporti sembrerebbe esserci una dualità messa in evidenza da un evento che sappiamo dovrebbe esserci tra pochi giorni e che ci spinge ad integrare alcune parti della nostra personalità. Il funerale invece simboleggia un rito di passaggio o più semplicemente un evento che sancisce un cambiamento importante. In particolare sognare il funerale dei propri genitori potrebbe rappresentare l’ottenere l’indipendenza o il lasciare andare il passato; ciò può essere doloroso in quanto i cambiamenti comportano sempre il dover rinunciare a qualcosa, ma possono anche aprirci la strada a nuove possibilità, fino ad adesso inesplorate. La partecipazione a un funerale potrebbe rappresentare proprio la necessità di accettare sentimenti e atteggiamenti che possono essere legati alla morte e alla perdita. A volte quando una relazione finisce, una donna potrebbe sognare un funerale per accettare la rottura e poter così guardare avanti. Piangere esprimere un’emozione incontrollabile o un dolore che abbiamo bisogno di far uscire. Il tavolo potrebbe rappresentare la linea che divide chi ha più autorità da chi ne ha meno o la nostra abilità di creare ordine nel caos. Un ragazzo (sconosciuto) nei sogni potrebbe simboleggiare una parte di noi che ancora non conosciamo e la possibilità di dover affrontare paure o difficoltà prima di andare avanti. Sognare qualsiasi tipo di carte potrebbe essere simbolo della comunicazione visiva e della capacità di recapitare un messaggio, in particolare farsi fare i tarocchi rappresenta il desiderio di conoscere il nostro futuro che probabilmente percepiamo incerto. Un signore (uomo sconosciuto) potrebbe rappresentare una sfaccettatura del nostro carattere, nei sogni di una donna potrebbe rappresentare la nostra parte più razionale e con caratteristiche maschili. Il fatto che sia il ragazzo sia il signore siano sconosciuti potrebbe rimandare in entrambi i casi al concetto archetipico di Animus che rappresenta le sue caratteristiche più maschili con cui potremmo aver bisogno di entrare in contatto. Il fatto che compaia più di una volta potrebbe indicare che occorre più razionalità e capacità di giudizio senza diventare troppo severi con se stessi. Sognare una bara potrebbe indicare che stiamo reprimendo i nostri sentimenti, provocano così la morte di una parte di noi. Inoltre si collega anche al fatto che siamo pronti ad accettare la fine di una relazione o un abbandono sentimentale. Questa scena potrebbe quindi rappresentare il desiderio di indipendenza o l’accettazione di una perdita o di un allontanamento che ci ha provocato un grande dolore che potremmo voler buttare fuori. Sembra esserci anche il desiderio di comprendere una parte di noi per poter poi conoscere il nostro futuro, ma per farlo forse dovremmo accogliere la nostra parte più maschile, razionale, non reprimendo i nostri sentimenti verso l’autorità (rappresentata dal padre) oppure accettando che siamo pronti per allontanarci dalla sua autorità. La mano potrebbe essere simbolo di potere e creatività. Il dito rappresenta invece la precisione e la laboriosità. Lo scrivere simboleggia il nostro tentativo di comunicare. La zia infine rimanda o al rapporto che si ha con lei o ad un aspetto della sua personalità. In conclusione, poiché quando una donna non ha più bisogno di seguire lo “schema” delle relazioni derivato dal padre potrebbe sognare un allontanamento da lui, questo sogno potrebbe rappresentare proprio questo allontanamento che potrebbe essere caratterizzato da indecisione e dualità anche in relazione a un evento che sappiamo potrebbe star per accadere e potrebbe portarci ad integrare diverse parti della nostra personalità. L’allontanamento potrebbe comunque essere doloroso e chiederci di buttare fuori il nostro dolore, perciò potremmo cercare di mettere ordine nel caos e potremmo domandarci cosa ci aspetta in futuro. È possibile che per affrontarlo dovremmo riscoprire la razionalità e la capacità di giudizio accettando l’allontanamento e concentrandoci sul nostro modo di comunicare che potrebbe essere legato alla creatività e alla precisione, aspetti che potrebbero essere anche in relazione con un aspetto della personalità di nostra zia.

 

Il Mangiatore di Sogni

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi leggere i sogni che abbiamo interpretato e scriverci il tuo sogno, noi lo interpreteremo per te.

Articolati correlati

Ci siamo sposati!

Sogno di Federico Ci siamo sposati, la mia compagna ed io, ero felice.. mia mamma non si è presentata per accompagnarmi, ma c’era Cristiano. È

Leggi »

Sognare la nonna defunta

Sogno di Anna Ho sognato mia nonna morta sedici anni fa che voleva aiuto perché non riusciva a camminare e nessuno la aiutava poi è

Leggi »

Sognare marito e figlio

Sogno di Fiorella Ho sognato mio marito che indossava una maglia di nostro figlio e mi diceva che sentiva freddo  Ciao Fiorella, ho letto con

Leggi »