Un coniglio nel traffico milanese

Ero a Milano in un albergo dove avevo una camera ma c’erano varie attività e persone. Scendevo dalla camera, non ricordo perché, poi non trovavo la borsa, non avevo chiavi né documenti. Avevo dei calzini e altra biancheria lavata stretta a me e rischiavo di perderla. Prendevo l’ascensore che diventava una vettura che mi faceva scendere al Duomo di Milano.. come faccio? Chiedo alle persone come raggiungere la Fiera di Milano, lo faccio sia in Italiano che in Inglese. C’erano donne, una gentile mi indicava la direzione ed ero su un filobus sperando di trovare le chiavi in stanza (avevo amnesia e angoscia di perdita). Vedevo dal filobus un coniglio che correva accanto alle rotaie in mezzo al traffico (angoscia). Ero terrorizzata perché scappava lontano ma delle persone con una specie di forcone lo fermavano, erano bruschi, ma una bambina amorevolmente lo prende e me lo porta. In una parte del sogno sentivo una donna che mi diceva di mangiare perché ero troppo magra. Poi vedevo una signora che nel sogno conoscevo ma con un naso diverso, ma francamente brutto. Mi chiedevo se si fosse operata o avesse fatto rinofiller. AL RISVEGLIO: sollievo perché era un sogno ma voglia di riaddormentarmi per vedere come andava a finire. Nelle ore successive senso di disorientamento, mancanza di concentrazione e paura di perdere le cose.

Interpretazione

Francesca sogna di essere in una stanza di albergo. Gli edifici, nel sogno, potrebbero rappresentare le “costruzioni” della propria vita e ciò potrebbe alludere ad un senso di precarietà , in quanto sembrerebbe non sentirsi al sicuro nelle condizioni di vita attuali.
La presenza di un ascensore, essendo uno spazio chiuso, sembrerebbe indicare la presenza di difficoltà o situazioni deprimenti racchiuse dentro di sé.
Nel sogno sono presenti delle persone sconosciute, le quali potrebbero rappresentare quella parte che ancora non si conosce e le paure da affrontare prima di poter andare avanti.
Francesca sogna di essere su un filobus e ciò sembrerebbe simboleggiare una parte di cammino che può intraprendere, percorrere insieme ad altre persone. Sognare persone sconosciute, che indicano la direzione potrebbe rimandare agli obiettivi che ci si è posti, ma ciò che è emerso potrebbe non corrispondere a ciò che si manifesta nel nostro inconscio. La vera natura di un obiettivo spesso risulta sconosciuta fino a quando non si affrontano le sfide che si incontrano durante il cammino. Nel sogno, è presente l’immagine di Francesca come passeggero e ciò potrebbe rimandare alla sensazione di essere trascinati dalle circostanze, e di non aver pianificato veramente il cammino, la strada da percorrere.
Francesca sogna di non trovare le chiavi e ciò potrebbe indicare la necessità di aspettare pazientemente che le circostanze volgano a proprio favore; inoltre, esse, potrebbero indicare innovazione nei pensieri, nei sentimenti, negli atteggiamenti e sembrerebbero sbloccare dei ricordi che sono stati rimossi. Infine, le appare in sogno un coniglio che scappa; ciò sembrerebbe indicare che si stiano evitando delle situazioni di disagio e che devono però essere affrontate, senza avere paura di esse. Francesca sogna poi, di una bambina amorevole e sognarla la fa entrare in contatto con la sua parte interiore, con il suo lato infantile concedendole di tornare ad uno stato di innocenza. L’immagine della signora con un naso diverso, trasformato e quindi messo in risalto potrebbe rappresentare il tentativo di capire la personalità delle altre persone, conoscerle più nel profondo.

Il Mangiatore di Sogni

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi leggere i sogni che abbiamo interpretato e scriverci il tuo sogno, noi lo interpreteremo per te.

Articolati correlati

Sognare la fuga dal sogno

Sogno di Tiziano Nel sogno mi trovavo davanti ad una pizzeria davanti casa mia in compagnia della mia ragazza e due persone che conosco di

Leggi »

Il divano in stazione

Sono in una stanza, forse è casa dei miei genitori, con un ragazzo e mi sento protetta. Poi mi trovo in un’altra stanza e c’è

Leggi »