Buttati che è morbido!

Sogno di Alberto

 

Ho fatto un sogno due giorni fa. Ero in cima a una scogliera con alcune persone, tra cui alcuni amici e dovevamo tuffarci in mare, parecchi metri sotto. Io ero molto pensieroso e non ero molto convinto di tuffarmi. Nel frattempo gli altri si tuffavano e chi arrivava molto vicino a una roccia, chi addirittura ci cadeva sopra, ma nessuno che si facesse male ecco, cosa che mi sorprendeva molto. A un certo punto dico beh mi butto anche io, ma appunto lo faccio non così tanto convinto. E va a finire che mi aggancio con i vestiti a un albero e finisco su un pianerottolo due metri sotto, e sento grande insoddisfazione.

 

Il sogno può essere diviso nelle seguenti scene (o frame):

  • Ero in cima a una scogliera con alcune persone, tra cui alcuni amici e dovevamo tuffarci in mare, parecchi metri sotto. Io ero molto pensieroso e non ero molto convinto di tuffarmi.
  • Nel frattempo gli altri si tuffavano e chi arrivava molto vicino a una roccia, chi addirittura ci cadeva sopra, ma nessuno che si facesse male ecco, cosa che mi sorprendeva molto.
  • A un certo punto dico beh mi butto anche io, ma appunto lo faccio non così tanto convinto.
  • E va a finire che mi aggancio con i vestiti a un albero e finisco su un pianerottolo due metri sotto, e sento grande insoddisfazione.

I simboli o topoi presenti sono: cima (sopra), scogliera (rocce), persone, amici, tuffarsi, mare, vicino, cadere, sorpresa (emozione), vestiti (abiti), albero, sotto, numero due.

 

Essere sopra a qualcosa indica l’entrare in contatto con lo spirito, la coscienza, l’intelletto e i nostri ideali. Potrebbe anche mettere in discussione il nostro altruismo. Le rocce (scogliera) rimandano ad affidabilità, freddezza, rigidità e a una base su cui poter costruire, qualità che è importante riconoscere in se stessi. Se il luogo è impervio può indicare che ci troviamo in una situazione scomoda. Le persone sconosciute rappresentano quelle parti di noi che ancora non conosciamo e la possibilità di dover affrontare paure e contrasti per andare avanti. Gli amici alludono agli aspetti della nostra personalità che dobbiamo prendere in considerazione oppure capire o accettare in qualche modo. Tuffarci significa riconoscere in noi la capacità di andare avanti. Il mare rappresenta la coscienza o la conoscenza che possono essere oscurate dalla paura dei sentimenti profondi, infatti temiamo ciò che non capiamo. Questi simboli potrebbero indicare che siamo in una situazione scomoda che potrebbe mettere in discussione il nostro altruismo. È possibile che sia necessario affrontare paure e contrasti per superarla e capire o accettare alcune parti della nostra personalità rappresentate dai nostri amici, così da poter riconoscere in noi la capacità di andare avanti e arrivare alla nostra coscienza. Vicino può rimandare a qualcosa che è accaduto di recente o che sappiamo che accadrà a breve. Cadere allude alla necessità di essere motivati, di occuparsi con maggiore impegno di una determinata situazione. L’emozione della sorpresa ci spinge a intraprendere un percorso di conoscenza e di crescita del nostro se. I vestiti (abiti) sono il simbolo della protezione spirituale, ci proteggono da un contatto diretto o da ogni violazione nei confronti del nostro corpo. L’albero rappresenta la struttura della nostra vita interiore. Sotto potrebbe suggerire che cerchiamo un riparo o che ci stiamo arrendendo o ancora potrebbe alludere alla parte di noi che cerchiamo di nascondere. Il numero due simboleggia dualità, indecisione, ma anche equilibrio, altruismo e aggregazione. Perciò, qualcosa che è accaduto di recente o che sappiamo accadrà a breve ci motiva ad affrontare con impegno questa situazione complicata e l’emozione della sorpresa ci spinge verso un percorso di crescita e conoscenza del nostro sé. Qualcosa che riteniamo una protezione spirituale legata alla nostra vita interiore potrebbe farci cercare riparo, ma questa indecisione potrebbe renderci insoddisfatti e spingerci di nuovo verso la crescita e conoscenza del nostro sé. In conclusione, il sogno potrebbe suggerirci che in una situazione scomoda che mette in discussione il nostro altruismo, potrebbe essere necessario affrontare paure e contrasti per superarla e capire o accettare alcune parti della nostra personalità rappresentate dai nostri amici, così da poter riconoscere in noi la capacità di andare avanti e arrivare alla nostra coscienza. Qualcosa che è accaduto di recente o che sappiamo che sta per accadere ci motiva ad affrontare con impegno questa situazione e l’emozione della sorpresa potrebbe spingerci verso un percorso di crescita e conoscenza del nostro sé. È possibile che qualcosa che sentiamo come una protezione spirituale legata alla nostra vita interiore ci faccia cercare riparo, ma questa indecisione potrebbe crearci insoddisfazione e quindi spingerci di nuovo verso una crescita e conoscenza del nostro sé.

 

Il Mangiatore di Sogni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri la chat
Scrivici qui...