Non sentirsi a proprio agio nel parlare con qualcuno

Sogno di Diana

La notte ho sognato che stavo nell’ufficio della mia università (sto facendo il dottorato) ma ci eravamo trasferiti ad un altro ufficio (dove prima lavoravo). Di nuovo era quell’ufficio ma non sembrava com’è in realtà. Spiegai ad una ragazza che mi confondevo perché una volta lavoravo in quell’ufficio e mi sembrava di stare di nuovo al lavoro e non all’università. Stavo rannicchiata parlando con lei quando dalla porta aperta davanti a me e dietro questa ragazza entra la mia nonna con un bastone da passeggio nella mano sinistra (aveva uno nella vita ma non lo usava quasi mai, poi ha dovuto usare un deambulatore) e dalla mano destra teneva dalla mano un bimbo sconosciuto di più o meno 5 o 6 anni, con capelli stretti, un po’ biondi, con lentiggini. Capì che aveva qualcosa da fare con una donna francese e che nonna stava prendendo cura di lui – non mi ricordo se nonna lo disse o se lo capì da sola. Appena lei entra nella stanza, conoscendola subito dico “nonna!”. E poi spiego agli altri in inglese “questa è mia nonna!”. Mi entra nei pensieri un momento di dubbio perché sapevo che era morta e pensai forse fosse solo una che assomiglia la nonna. Però era lei – e mi incontrai a ginocchio davanti a lei seduta su una panchina nell’ufficio, piangendo con la testa appoggiata sopra le sue gambe abbracciandola, dicendole in spagnolo che mi aveva mancato tanto. Lei mi accarezzava la testa, i capelli. Non mi ricordo bene se mi rivolge qualche parola o no. Era bello rivederla e abbracciarla, ma triste, così mi sono svegliata piangendo stamattina alle 5.30. Non potevo non piangere e quindi stamattina piansi per un tempo prima di tornare a dormire. Mi svegliai di nuovo con la stessa tristezza e così sto tutto oggi pensando a lei e piangendo. Lo so che il fatto che piansi nel sogno vuol dire che ancora sto nel lutto, che quasi due anni dopo la morte ancora fa male anche se adesso posso pensare e parlare di lei senza piangere nella vita quotidiana. Non so se questo sogno vuol dire qualcosa – forse il fatto che entrò da una porta aperta e con un bimbo significa che sta trovando il suo posto nell’altrove.. Non so se il bimbo è un dettaglio importante o no.
Grazie.

Cara Diana, dal suo sogno emerge in modo immediato la forza del legame che lei aveva con sua nonna e, di conseguenza, il suo attuale stato di forte malinconia e tristezza per la perdita e la mancanza di una persona tanto cara per lei. Fin dalle prime immagini del suo sogno, in cui descrive il luogo in cui si trova (“..stavo nell’ufficio della mia università (sto facendo il dottorato) ma ci eravamo trasferiti ad un altro ufficio (dove prima lavoravo)..”), emerge uno stato di confusione, che potrebbe rimandare a un senso di fragilità che probabilmente sta provando in questo periodo della sua vita. La posizione rannicchiata che lei descrive di assumere nel sogno mentre parla con una ragazza, potrebbe indicare nuovamente questo suo senso di debolezza emotiva, di chiusura e di ripiegamento su di sé. L’immagine di sua nonna probabilmente rappresenta per lei una figura di protezione, di accudimento e di legame con le sue radici. Rispetto alla porta, generalmente, a livello onirico, essa rappresenterebbe l’accesso al mistero interiore. Il fatto che nel suo sogno la porta sia aperta potrebbe indicare l’assenza, da parte sua, di meccanismi di difesa o di chiusura nei confronti delle persone che possono raggiungerci attraverso essa, rappresentate in questo caso, da sua nonna. Il simbolo del bastone, tenuto da sua nonna nella mano sinistra, potrebbe rimandare all’immagine di una stampella e, quindi, al bisogno che lei sente, in questo periodo, di essere sostenuta, sorretta e aiutata. Il bambino, che lei descrive nel sogno come presente alla destra di sua nonna, potrebbe in realtà rappresentare una proiezione di lei e del suo bisogno attuale di sentirsi accudita, proprio come un bambino che necessita di attenzione e di cure. Il fatto poi che il bambino, nel sogno, entri dalla porta affiancando sua nonna, potrebbe indicare che quest’ultima per lei rappresenta la persona in grado di fornire questo senso di protezione. Quindi, sia l’immagine del bastone sia quella del bambino, entrambi vicini alla figura di sua nonna, potrebbero indicare che questa abbia rappresentato per lei un sostegno e una guida nel cammino per l’affermazione di sé nella propria vita. In generale, quindi, dal suo sogno emerge sicuramente il senso di malinconia per la perdita di sua nonna, che lei ha evidentemente percepito come una persona presente e in grado di guidarla nelle sue scelte di vita. Dal sogno si percepisce infatti questo suo grande senso di vuoto e di mancanza. Probabilmente, in questo periodo della sua vita, sente la necessità di avere vicino sua nonna, ossia una persona che la possa accudire, proteggere, sostenere e che possa rappresentare un rifugio sicuro nei momenti di difficoltà.

 

Il Mangiatore di Sogni

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi leggere i sogni che abbiamo interpretato e scriverci il tuo sogno, noi lo interpreteremo per te.

Articolati correlati

Parole, parole, parole…

Sogno di Sara   Ho sognato di trovarmi insieme a mia mamma, nella casa del mio ragazzo (fidanzati da una settimana), parlavo e parlavo tantissimo

Leggi »